DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO

Link Procedimenti
  • Procedimento (1304)Ricorso alla Giunta provinciale avverso i provvedimenti della Soprintendenza
  • Descrizione

    L'art. 16 bis della L.P. 1/2003 prevede che contro i provvedimenti in materia di tutela, conservazione e valorizzazione dei beni culturali possa essere proposto ricorso gerarchico alla Giunta provinciale.

  • Chi puo' avviare il procedimento
    • Possono presentare domanda:
    • i destinatari di provvedimenti
  • Cosa Fare (adempimenti e scadenze)

     Avvio: I destinatari del provvedimento in materia di tutela, conservazione e valorizzazione dei beni culturali assunti dalla Soprintendenza presentano, entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento stesso, ricorso per motivi di legittimità o di merito alla Giunta provinciale ai sensi dell'art. 16 bis della L.P. 1/2003 per chiedere l’annullamento o la modifica di provvedimenti conclusi. Fasi intermedie: Il funzionario amministrativo a cui è assegnata la pratica procede a valutare l'eventuale inammissibilità, irricevibilità e nullità, dopodiché comunica, se non vi abbia già provveduto il ricorrente, il ricorso ai soggetti direttamente interessati ed individuabili sulla base dell'atto impugnato; entro venti giorni dalla comunicazione del ricorso gli interessati possono presentare deduzioni e documenti. Il funzionario amministrativo incaricato ed il funzionario tecnico di zona procedono alla valutazione dei motivi di legttimità e di merito dedotti in ricorso, predisponendo un promemoria interno. Come previsto dall'art. 16 bis della L.P. 1/2003, viene raccolto il parere (obbligatorio ma non vincolante) del Comitato provinciale beni culturali di cui all'art. 4 della medesima legge. Conclusione: Il funzionario amministrativo incaricato redige la proposta di deliberazione alla Giunta provinciale, previa condivisione tra Dirigente di Struttura, Dirigente di Dipartimento e Assessore proponente, di accoglimento/non accoglimento/accoglimento parziale del ricorso. Il provvedimento viene trasmesso entro 90 giorni dalla presentazione del ricorso al ricorrente. Decorso il termine di 90 giorni dalla data di presentazione del ricorso senza che sia stata comunicata la decisione, il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti e contro il provvedimento impugnato è esperibile il ricorso all'autorità giurisdizionale competente, o quello straordinario al Presidente della Repubblica.

  • Termine massimo di conclusione del procedimento
    90 giorni a decorrere dal giorno successivo al ricevimento del ricorso. (L)
  • Il mancato rispetto da parte della struttura del predetto termine consente all'interessato di rivolgersi al dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura per sollecitare la conclusione del procedimento

  • Costimarca da bollo da Euro 16,00 se dovuta
  • Struttura competente
  • Responsabile del procedimentoFranco Marzatico - Telefono: 0461.496616

Normativa

Modelli